Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

ASSETTO DEL TERRITORIO E DEFLUSSO DELLE ACQUE

Siamo sempre più colpiti dalle immagini devastanti di situazioni emergenziali che in seguito a piogge eccezionali, così dette  “bombe d’acqua”, arrecano danni al territorio, alle infrastrutture, alle abitazioni e, in alcuni casi, ad eventi mortali che stravolgono la vita di intere comunità.

Spesso sono torrenti, addirittura fossi che, a seguito di precipitazioni intense, esondano con forza e travolgono tutto quello che incontrano. Il loro alveo naturale non è in grado di contenere le portate e l’onda di piena semina distruzione e morte.

Indubbiamente una causa è da ricercarsi nei cambiamenti climatici indotti dal comportamento dell’uomo e dall’uso assai spesso spregiudicato del territorio. Siamo impotenti di fronte a tali fenomeni di così ampia grandezza e non riusciamo a difenderci o – almeno – trovarsi preparati al loro manifestarsi.

In questi casi è buona regola intraprendere tutte quelle iniziative che possono facilitare il deflusso delle acque meteoriche. Un buon esempio di questi interventi sono le ripuliture della vegetazione in alveo, lavoro appena fatto per esempio non solo a Ponte a Poppi ma in tanti corsi d’acqua del Casentino, nelle immediate vicinanze o addirittura all’interno dei vari centri abitati.

Nel caso particolare di Ponte a Poppi, interventi per garantire maggiore sicurezza sono stati programmati dal consorzio di bonifica Alto Valdarno 2 ed eseguiti dal personale specializzato dell’Unione dei Comuni Montani del Casentino sul torrente Roiesine e sul torrente Sova.

Tali manutenzioni, a ciclo periodico, sono fondamentali e necessarie e l’Amministrazione Comunale vigila e stimola continuamente, in un rapporto sinergico e di stretta collaborazione con i soggetti interessati soprarichiamati,  a tutela dei beni e della pubblica incolumità.

Grazie a tutti del prezioso lavoro svolto.

Il Sindaco / Carlo TONI